Archivi categoria: Tecnologia

PRAISE HIM AND HIS MAJESTY

Avevo tipo in mente di parlare di NIER, o di quanto non riesca a farmi piacere Cuori di Tenebra, o di quanto sia figa la storia di Jeckyll e Hyde, o…

E invece, dopo smadonnamenti vari, per tutti coloro i quali hanno a che fare con LaTeX per le più svariate ragioni, ecco un sito che finora mi ha salvato la vita in più di un’occasione.

Perché sì, WinEdt ha una bella GUI completa. Perché sì, esistono liste di simboli complete consultabili online.

Ma poter disegnare il simbolo che vorremmo usare e aspettare qualche secondo per ottenere il comando è molto più rapido (e per certi versi divertente).

detex

Enjoy Detexify, e se vi è piaciuto valutate di fare una piccola donazione per il mantenimento del loro server.

Backup e Windows 8.1

Di recente il mio PC si è “guadagnato” l’aggiornamento alla più nuova versione del sistema operativo Microsoft. Non che mi trovassi male con Windows 7, sia chiaro, ma era già un anno che quella licenza acquistata in promozione giaceva inutilizzata nel mio cassetto. Approfittando di un fine settimana libero ho fatto tutti i dovuti backup, tutti gli scongiuri del caso, e ho avviato la procedura di installazione.

Cinque (CINQUE) ore dopo il mio PC aveva equipaggiato Microsoft Windows 8.1, ho gli incubi per la mezz’ora passata ad aggiornare -e usare- Windows 8, e io mi ritrovo a voler fare il primo backup di rito.

win8.1 logo
Continua a leggere!

SteamOS e un nuovo modo di pensare il PC

È  passato Natale, a Natale non abbiamo niente da fare, quindi a Natale uno gira su internet e si trova a pensare un sacco di cose. L’ultima riflessione ovviamente nel mio campo preferito, quello tecnoludico, me la porge la Valve con le prime idee di SteamOS e le prime Steam Machine.

steam os
Continua a leggere!

Momenti notalgia: il proteggi radiazioni

Di qualche giorno fa il post sul blog del doc che spulcia le mAraviglie che ci propinavano i catloghi Postalmarket prima che l’azienda fallisse miseramente e smettesse di inviare via posta quel catalogo di vestiti e robe che è stato per un bel po’ il Victoria’s Secret degli adolescenti italiani.

Quel post che, fermo sull’immagine di un Commodore che non hai mai avuto essendo partito subito coi 486 (di un paio d’anni troppo giovane, sigh), ti ha fatto tornare in mente i tempi di quando perdevi le diottrie (cinque, ad oggi) davanti a quello schermo a tubo catodico dai colori incerti ma dal potenziale omicida certissimo. I tempi in cui uno schermo da 14″ pesava quanto un televisore da 42″ odierno, in cui la scrivania non bastava nemmeno per la tastiera, che sembrava sempre che stessimo per ridipingere lo studio per i teli proteggi- polvere sopra OGNI componente del PC.

Ma soprattutto i tempi in cui, nel tentativo disperato e miseramente fallito di salvare le tue retine dalle radiazioni dello schermo, tuo padre e tua madre compravano QUESTO

Non si trovano immagini di repertorio, troppa vergogna.

Piango.

Fatemi pensare…

Dunque, ho appena passato quasi due settimane a Sassari. In queste due settimane non ho fatto praticamente niente di niente, eccetto stare male due giorni e un paio di uscite a cena per qualche festa.

Sono tornato a Cagliari poco più di 24 ore fa e nel frattempo ho/sono:

  • convogliato due hard disk in uno più capiente
  • appreso che tale hard disk ha altissime possibilità di rompersi di punto in bianco
  • fatto due lavatrici
  • uscito a comprare gli ultimi regali di Natale noti
  • mangiato fuori con degli amici
  • deciso di comprare un hard disk nuovo in un negozio fisico (!!!)
  • andato a comprare il suddetto dall’altra parte della città per decidere infine di spendere 30€ in più del previsto per un disco da 2Tb invece che da 500Gb
  • switchato il disco failato con quello nuovo
  • cambiato il vecchio disco di avvio con uno più capiente
  • litigato per ore con l’utility di ripristino di winzoz7
  • sprecato un DVD, perché l’utility di stocazzo ha funzionato appena finito di masterizzare clonezilla

e niente, basta, è finita qui, con il pc tornato ai suoi vecchi fasti e anche meglio.

Poi mi chiedono perché a Sassari mi annoio.

*mal di testa*