Anime, inverno 2013-2014, finalmente!

VEDETE CHE CE L’HO FATTA, EH?!?

*coff* ok, con calma. No, è che mi sono appena riprese le lezioni quindi per un attimo ho pensato di abbandonare posticipare ulteriormente l’idea del post, ma a quel punto mi finiva la stagione e bon, tanto valeva.

A sto giro poi le cose dovrebbero essere, spero, un attimo più QUARITY perché prima di decidere di cosa parlare o meno ho voluto aspettare almeno la metà della stagione, specialmente per quelle serie su cui ero più indeciso. Così un paio sono anche riuscito a dropparle e tanti saluti, vi ho evitato lo sforzo.

Quindi: cosa vale la pena vedere in questo inizio 2014? Vorrei evitare di metterle in ordine, quindi: titolo verde per quelle che valgono davvero, arancione per quelle così, carine ma senza esagerare, rosso per quelle che sto guardando ma, oh, ‘zzi vostri se decidete di seguirle. Cliccando sul titolo arrivare al sito del gruppo di riferimento. 3… 2… 1…

ciak

Iniziamo subito con le serie di cui non ho screen a disposizione perché, per un motivo o per l’altro, non sto conservando le puntate.

Non posso non citare, per primo, l’anime che salverà (e sta salvando, almeno per ora) gli anime, vale a dire Kill La Kill. Della trama non voglio parlare, ma per descriverlo potrei dirvi…. uhm, qualcosa del tipo «Tengen Toppa Gurren Lagann, solo che (quasi) ogni episodio ha lo stesso grado di epicness del finale di Tengen Toppa Gurren Lagann».

(anche se TTGL non lo batte nessuno, eh, sia chiaro)

Uno spazietto se lo meritano anche: Toaru Hikuushi e no Koiuta, ambientato nello stesso universo de Il Pilota e la Principessa (edito in Italia da GP) ma circa un secolo prima -se non erro-, che ho iniziato a seguire sulla fiducia e che anche se non si sta rivelando il capolavoro sperato è comunque abbastanza carino; ImoCho, giustamente sottotitolato dagli Horrible “un altro merdoso adattamento di una light novel sulle sorelline”, ma che comunque fa sorridere, con la storia della sorellina acquisita posseduta da un fantasma innamorato eccetera eccetera. E poi è parecchio ecchi.

In ordine rigorosamente di “nella cartella degli screen sono organizzati così” poi troviamo:

seki-kun

Tonari no Seki-kun, simpatica serie di corti sulla sfortunata vita scolastica di Yokoi, continuamente distratta dalle ingegnose trovate del suo vicino di banco Seki per far passare la lezione (o semplicemente per diversirsi indipendentemente dal luogo?).

log horizon gilda

Log Horizon, che sostanzialmente sarebbe Sword Art Online ma fatto bene e con una storia seria, situazioni appassionanti e la giusta dose di drama e azione senza scadere nel maledetto Kirito-harem che ha rovinato SAO. Prosegue dalla stagione autunnale, quindi dovete recuperarvi un po’ di episodi, ma ne vale la pena al cubo.

kenji e roka

D-Frag!, che, ok, in realtà ne ho visto solo i primi quattro episodi, ma le avventure del teppista Kenji Kazama, costretto a entrare in uno stranissimo club scolastico di creazione giochi, sono talmente piene di citazioni e LOL che non posso non aspettarmi grandi cose.

po-chan

PuPiPo!, altro corto stagionale, decisamente uno dei migliori corti che abbia mai visto finora, che segue la storia di Wakaba Himeji, che vede  fantasmi, che fa amicizia con Reiko Azuma, che vede apparire di fronte a sé il mostriciattolo Po-chan, mostriciattolo che a parte proteggerla contro i fantasmi sembra anche nascondere un segreto che potrebbe sconvolgere la vita di Wakaba.

haruka e yuu

Sakura Trick, AOTY-EY, lo shoujo-ai per eccellenza, la puccezza fatta anime, moe elevato infinito, con un tocco di disegno molto ecchi che schifo non fa, insomma, bellissimo. Grazie di esistere, Sakura Trick.

manaka! ç_ç

Nagi no Asukara, che prosegue anche lui dalla scorsa stagione, che quindi anche qui dovete recuperarvi un t0t episodi, che io guarderei solo per il disegno assolutamente splendido dei protagonisti e dei paesaggi, ma che ci mette in mezzo anche una trama super condita dalla capacità di gettare lì bombe di colpi di scena incredibili come se niente fosse e, rigorosamente, rimandare all’episodio successivo. Nemmeno li definirei cliffhanger. Dippiù.

pantsu in da heart!

Nourin è l’anime nonsense della stagione, ma a differenza di molti anime nonsense sembra che non sia stato preso da un 4-koma, sembra che la trama voglia avere un qualche indirizzo specifico, insomma, probabilmente va anche a parare da qualche parte. Che, se permettete, per un anime nonsense è una cosa mica da ridere. Anche qui, citazioni allo sbaraglio. Raccomando di seguirlo dai Task-Force, le citazioni sono complicate, ed è meglio lasciar fare ai professionisti.

rikka-chan

Chuuniboyou Demo Koi ga Shitai! REN, cioè la seconda serie di Chuuni, cioè KyoAni, cioè occhi splendidi, cioè gli Owari lo stanno facendo solo per noi, cioè se avete amato la prima serie seguitelo. Poi magari arriva anche il film, io mi rifiuto -per ora- di vederlo in inglese.

[SSK]_Mikakunin_de_Shinkoukei_ 01_[ITA][Hi10P+AAC][720p][8518CA8D].mkv_snapshot_08.30_[2014.02.24_22.39.22]

Mikakunin de Shinkoukei è il romantico-scolastico dell’inverno (ancora non ce n’erano, cioè, tolto Chuuni, ma quello non conta) con la povera Kobeni che si trova improvvisamente, in tipo seconda liceo, promessa sposa di Hakuya, ragazzo che non ha mai visto ma che pare le abbia salvato la vita quando erano piccoli. Con sorprese a non finire e, per ora, molte più risate e moe che romance fine a sé stessa. Quindi, insomma, anche una roba accettabile.

[Task-Force]_Love_Lab_-_08_[TV][810p][Hi10P][A80C9EE6].mkv_snapshot_17.00_[2014.02.24_22.39.00]

(dai che ci siamo quasi) Love Lab è un anime di cui non vi ho parlato questo autunno, della scorsa stagione, ma che a farlo mirkosp ci sta mettendo tempi biblici (e non glielo perdoniamo) e quindi facciamo finta che è invernale. E ora riscrivetelo in italiano, grazie. Comunque è un comico, sui tentativi di Maki di scoprire cosa sia l’amore, di Riko che pur non sapendone nulla (e cercando di tenerlo nascosto) prova a spiegarglielo, e tutta una compagine di coprotagonisti che assistono con il giusto grado di partecipazione-stupore a tutte queste follie. Da ridere.

robin e asuta

E per finire Sekai Seifuku: Bouryaku no Zvezda, la storia dell’associazione segreta Zvezda, della sua conquista del mondo, guidata dalla bambina-misteriosa-loli-con-i-pucciopoteri Kate, di Asuta Jimon che ci finisce dentro della serie “ma perché ma che ho fatto di male aiutatemi”, di Natasha che va in giro solamente in intimo, di un sacco di nonsense, ma sempre da ridere. Un sacco da ridere.

… aspetta, ma sono tutti verdi? Sigh. Ok, allora vi dico che nel tanto ho droppato Hamatora!, che però magari a qualcuno piace, e che si parla molto bene in giro di Space Dandy, che però pare prenda il volo dopo il quarto episodio mentre io sono fermo al secondo. Voi cosa state guardando?

  • Musaghei

    io sto guardando solo kill la kill e space dandy, dopo aver droppato log horizon. Praticamente tutti gli altri titoli non li ho nemmeno mai sentiti, ma è tutta roba del tuo genere 🙂

    • lightingcloud

      Hai dei gusti troppo specifici, Musa’. ♥

  • Ma cosa. Mi basta sia una serie action molto convolgente oppure abbia tette a profusione (in stile Queen’s Blade o Seikon no Qwaser) xD