Fate/Stay Night

590358-fate_stay_night

Titolo: Fate/Stay Night
Produttore: Type-Moon
Piattaforma: PC
Genere: Visual Novel / Hentai
Prezzo alluscita: uscito solo in Giappone

Trama: Emiya Shiro è uno studente delle superiori che conduce una vita apparentemente normale nella città di Fuyuki. La sua vita viene sconvolta nel momento in cui si ritrova coinvolto in una sorta di antico gioco in cui sette maghi si combattono ferocemente fra di loro in quella che viene chiamata la Guerra del Santo Graal, in cui il premio finale è per l’appunto la leggendaria reliquia, in grado di conferire poteri inimmaginabili a chiunque ne entri in possesso. Shiro, che possiede pochi rudimenti di magia, si trova del tutto impreparato ad affrontare i suoi avversari, ma a salvarlo sopraggiunge inaspettatamente Saber, un servant dalle sembianze di giovane donna dai capelli biondi che impugna una spada invisibile. Il ragazzo, venuto a conoscenza della realtà a proposito della Guerra del Santo Graal, decide di prendervi parte non per ottenere il premio finale, ma solo per proteggere coloro a cui vuole bene, per evitare che altri subiscano le sofferenze toccate a lui.

Grafica: 8/10
Il gioco è un po’ datato, essendo uscito nel 2004. Nonostante questo, forse per il fatto di essere una visual novel, le grafiche sono molto curate: i disegni sono di altissimo livello e gli effetti speciali -seppur non sopraffini- sono molto belli da guardare, specie nelle fasi di combattimento. I disegni delle scene erotiche poi sono veramente ben fatti, anche se l’essere un gioco giapponese lo penalizza un po’ per le censure.

Musiche: 7/10
Le musiche sono quanto ci si aspetta da un gioco di questo tipo: bene o male, si adattano sempre perfettamente alle situazioni pur senza spiccare. Nessun motivetto di quelli che rimangono in testa, ma sicuramente tenere le casse accese migliora la sensazione del gioco in complesso. Molto buoni anche gli effetti sonori -anche se in sostanza si riducono al solo rumore di spade che cozzano. La patch per tradurre il gioco in inglese aggiunge la possibilità di utilizzare il gioco ps2, se lo si ha scaricato, per inserire nel gioco le voci dei doppiatori dell’anime, aumentando così la resa -di per se ottima- di questo titolo.

Giocabilità: 10/10
E una visual novel, quindi non si deve fare altro che clickare e leggere i testi. Ogni tanto si deve fare una scelta, ma niente di più. Nel bene o nel male, la storia è abbastanza lineare e per finire in un bad ending bisogna essere dotati di una grossa dose di stupidità. Siccome sono abbastanza frequenti, comunque, la possibilità di salvare prima di fare una scelta è ottima.

Longevità: 9/10
Tre storyline diverse e una valanga di CG da trovare. Ogni tranche di storia prende dalle 15 alle 20 ore, se non di più, quindi il gioco nel complesso può durare abbastanza. Senza contare che alla prima partita è difficile vedere tutte le scene, quindi la voglia di rigiocare c’è.

Originalità: 10/10
Forse il voto può sembrare esagerato, ma ricordiamoci che stiamo parlando di una visual novel hentai. Probabilmente, tra tutte quelle viste finora, è tra le migliori -se non la migliore- in quanto a storia, caratterizzazione dei personaggi e realizzazione tecnica. Non stupisce che ne abbiano tratto un anime, un manga e un gioco per PS2… anche se i giochi di questo tipo cui levano le scene hentai sono forse i più tristi esistenti.

Globale: 9/10
La storia è bella, le grafiche pure e le musiche fanno quel poco che gli si chiede di fare. Probabilmente il fatto di aver seguito -molto appassionatamente- l’anime mi fa spezzare una lancia in più in favore di questo titolo, ma se è diventato tanto famoso prima dell’uscita dell’anime un motivo c’è. La storia è molto coinvolgente e il gioco non annoia mai. Poi, diciamocelo, vedere Rin e Saber mentre… beh, non ha prezzo.

Rapporto qualità/prezzo: ottimo
In realtà, visto che questo gioco è praticamente irreperibile, riuscire a procurarselo è stata una faticaccia oltre che un grandissimo colpo di fortuna aka botta di culo. Però ne vale veramente la pena. Quindi, se si parla di rapporto tra la qualità e la difficoltà a reperirlo beh, direi che è semplicemente ottimo.

  • utente anonimo

    Sei il mio porcellino preferito :* voglio giocarci anch’io, uffa ç_ç Sai quanto amo Saber ç_ç [Musa]