HinataBokko

Titolo: HinataBokko
Produttore: Tarte
Piattaforma: PC
Genere: EroGame
Prezzo all’uscita: sconosciuto

Trama: Natsuki è un normalissimo studente delle superiori che vive da solo con la sorella, Koharu. Vivono in un appartamento prestatogli da una zia, ma a causa di un progetto di restauro devono trasferirsi momentaneamente. Mentre cerca casa e lavoro, Natsuki incontra la sua maestra delle elementari, Hinata, che gli propone di lavorare nel suo bar e vivere nelle stanze libere della sua casa.

Grafica: 7/10
Per essere un erogame abbastanza datato, bisogna ammettere che i disegni sono piuttosto carini. Più che essere particolarmente realistici, o dettagliati, o che, colpisce la pucciosità dei personaggi. I fondali, sinceramente, sono abbastanza piatti e non molto curati, ma tutta l’attenzione viene catturata dai protagonisti veramente piacevoli da osservare. Le scene hentai non sono da buttar via, anche se sinceramente non sono questo granché. Purtroppo ci sono alcune pecche gravi, innanzitutto la risoluzione: non è possibile non giocare in fullscreen, e il gioco credo che sia sui 800*600, massimo 1024*768. Su uno schermo normale non sarebbe un problema, ma il mio è un lcd con risoluzione ottimale 1440*900, quindi tutte le risoluzioni inferiori risultano abbastanza sgranate. E questa non fa eccezione.

Musiche: 7/10
Quando mai le musiche in giochi di questo tipo sono qualcosa di memorabile? Per lo più, sono tutte abbastanza allegre e molto leggere. Non mi pare che in un gioco come questo, con una trama di questo tipo e per le situazioni che ho visto, possa aver bisogno di tracce drammatiche. Comunque sono piacevoli da ascoltare, e il doppiaggio è discreto. Carina la traccia cantata che “segnala” l’inizio del finale raggiunto.

Giocabilità: 10/10
È un clicca e leggi con cinque scelte doppie in tutto il gioco. Giocabilità? Cos’è?

Longevità: 3/10
Troooooooppo corto. Cioè cribbio, sono arrivato al primo finale in un’ora. Wtf? Manco il tempo di immedesimarsi nella situazione che è già tutto finito? Il gioco si può finire in 10, massimo 20 ore. Anche per un erogame è troppo corto e purtroppo la trama è veramente inesistente. La storia serve solo come sfondo a giustificare che il personaggio principale è attorniato da belle ragazze e tutte hanno un motivo per trombarselo. Finito. Forse Fate/Stay Night mi ha abituato male?
ERRATA CORRIGE: il voto alla longevità, in realtà, è 1. Sono riuscito a finire tutto il gioco al 100% in circa sette ore, molto meno del previsto.

Originalità: 3/10
Un erogame che più banale non si può, non provano nemmeno ad avere una trovata interessante. Niente, niente, niente di originale, tante situazioni già viste e pure usate male. Peccato.
ERRATA CORRIGE: originalità, 1. Cristo, i finali di Hinata e di Koharu sono tanto banali da avermi fatto venire le lacrime dallo stupore e dallo schifo. Quello di Koharu soprattutto, un agglomerato di banalità che… boh, non posso nemmeno trovare un esempio tanto negativo da descriverlo.

Globale: 5/10
Troppi difetti per un titolo talmente semplice che dovrebbe non averne. Gli sviluppatori non dovevano avere molte idee e il risultato finale mostra la totale mancanza di sforzi. Alla fine, giocabile solo se non si ha niente di meglio da fare. Oltrettutto, anche la traduzione in inglese fa schifo poiché mancano spesso apostrofi e interpunzione. Val la pena giusto per i disegni, anche se non per quelli hentai.
ERRATA CORRIGE: voto globale, 3.

Rapporto qualità/prezzo: basso
Non so quanto costasse, ma se avessi pagato per un gioco del genere mi sarei incazzato non poco.

  • amorino, ma dove lo trovi il tempo? beato te ç___ç

  • lightingcloud

    ora che non ho lezione, tempo ne ho in abbondanza :V potrei usarlo per uscire, andare al mare… e invece no, lo uso per gli erogames!

  • vabbè, ma magari ne avessi anch’io. Ar Tonelico è ancora fermo lì, alla phase 2. ç_ç

  • Pingback: Yume Miru Kusuri « Lucciole e Lanterne()