Le Tredici Vite e Mezzo del Capitano Orso Blu

Inizierò anche io a far foto alle copertine…

Titolo Originale: Die 13 1/2 Leben des Käpt’n Blaubär
Autore: Walter Moers

Saltando di palo in frasca, da un genere all’altro, senza nessuno scopo ben preciso oltre quello di leggere, si accettano tutti i consigli più disparati. Anche quelli su libri ben strani, che promettono di far ridere narrando le tredici vite e mezzo di un curioso capitano, un orso blu.

E cosa può capitare ad un orso blu? Innanzitutto di nascere, probabilmente, dalla schiuma di un’onda e trovarsi a precipitare a bordo di un guscio di noce nelle spire del Grande Imbuto. Di essere salvato dai Minipirati, rapito dai Coboldi, cresciuto dalle Onde Ciacoline, istruito da uno pterodattilo e da un tenebrone… un sacco di cose, insomma.

Non vi siete già innamorati di questo cosino? FATELO SUBITO.

In una Terra che è la nostra Terra, anche se popolata da una miriade di esseri fantastici, alcuni spassosi, alcuni tra i più spregevoli di cui abbiate mai letto. Con un ecosistema incredibilmente fitto, forse anche troppo, ma che si spinge al punto da dare una fantasiosa teoria sulla nascita, la crescita e la scomparsa di Atlantide.

Tredici capitoli e mezzo (uno per ogni vita, appunto), capaci di avvincere e far rotolare per le risate, commuovere e preoccupare per le sorti del piccolo orsacchiotto raffigurato dalle magistralmente adorabili illustrazioni dello stesso Moers. Unica pecca, forse, proprio il capitolo su Atlantis che ho trovato troppo infarcito di nozioni su Zamonia, interessanti ma fino a un certo punto.

Tutto il resto, però, assolutamente perfetto.

Non so se consiglierei il libro a grandi e piccini. Ai grandi di sicuro. Per i piccini… valutate voi. Alcune scene hanno impressionato un poco anche me!

Edito da: Salani. La versione brossurata è un volume di qualità, pieno di splendide pagine illustrate senza le quali la storia non avrebbe avuto lo stesso spessore. Ad un prezzo tutto sommato contenuto, decisamente vale la pena.