[OWR] Dark Shadows

One Word Review che passano nel giro di poche riflessioni da recensioni in una parola a recensioni a caldo a recensioni e basta. Che tanto, dai, diciamocelo, io un lavoro da queste cose non ce lo voglio davvero tirar su e ci divertiamo molto di più se invece di ragionarci sopra e tirar fuori frasoni astrusi, metto semplicemente giù quello che ho pensato durante il film con pochi peli sulla lingua. Spero gradiate, io di sicuro. Il tag, di conseguenza, vede la luce per l’ultima volta. Salutatelo.

Oggi, quindi, si parla di quella che se non erro è la penultima fatica di Tim Burton (l’ultima dovrebbe essere quel “cartone animato” sul bambino scienziato che si resuscita il cane) dopo quella cagata pazzesca che era stata Alice in Wonderland. Con lui, ma non mi dire, Johnny Depp ed Helena Bon… Bonhamm… vabé, la moglie.

Un film che sono andato a vedere colmo di preoccupazione perché si fosse rivelato un’altra delusione avrei dato Burty per morto e non avrei visto mai più niente di suo (tranne, tipo, quello del cane che resuscita, ma quello è un’altra storia) ma che con mio sommo piacere ho visto dall’inizio alla fine pensando “grazie a dio ti sei salvato, questo film è grandioso”.

C’è un po’ tutto quello che conosciamo del buon Tim. Ci sono le scene che fanno paura, la situazioni al limite del ridicolo, un ottimo Johnny Depp che si dimentica di essere un Pirata dei Caraibi e recita bene la sua parte, c’è un sacco di Edward Mani di Forbice che in certi momenti avresti gridato al plagio, se non ti fossi reso conto che finché si tratta di tematiche è ok, e che alla fine sai benissimo che quei temi come li tratta Tim Burton non lo fa nessuno.

E oltre a quello che ci si aspetterebbe da un film di Tim Burton, ci sono anche un po’ di sorprese. Innanzitutto un paio di scene truculente con tanto tanto sangue, che sinceramente non mi sarei mai aspettato, e c’è una scena in cui il buon protagonista “subisce” un pompino per quella che t’è parsa la prima volta in vita sua.

scusate il meme, ma io ho reagito così per davvero

E anche in questo film c’è una lei. Anzi, una Lei con i controcazzi che secondo te sono quegli occhi, e hai deciso che la tua prossima fidanzata e in seguito sposa se non ha quegli occhi non la prendi (sì, credici).

se mi guardi ancora un po’ poi mi sciolgo, prometto

Da urlo. Lei e il film. Se temevate come me per il buon Burton ne sarete sollevati. Se Alice in Wonderland vi era piaciuto, fatevi curare e poi vedetevi pure questo che vi piacerà ma tanto tanto tanto di più, fidatevi.

  • Boh, questo voleva vederlo Elisa, ma non so… io odio Depp, però se dici che finalmente è riuscito ad uscire dai panni di Jack Sparrow potrei anche essere tentato di dargli un’altra possibilità…

    • lightingcloud

      assolutamente, se avesse DI NUOVO fatto il fottuto pirata l’avrei detto e avrei mandato il film a fare in culo.