Posso chiedere che oggi chiudiamo bene? Per favore?

Che mi rendo conto che la domanda è strana, eh. E come al solito capito che a molti di voi di questi post non gliene freghi poi tanto. Però voglio dirlo, anche se solo sottovoce, che poi magari chi mi vuol male lassù mi sente e mi manda qualche altra magagna. E manca poco all’ora di andare a letto, quindi preferirei evitare.

E che c’è? E c’è che oggi sto bene. Nel senso che sono stato bene da quando mi sono svegliato dopo undici ore quasi ininterrotte di sonno, alle 11, fin’ora. Senza eccezioni durante la giornata. Niente dolori, nessuno. Almeno, niente che mi impedisse di star dritto, o di mangiare, o di non pensare solo al dolore, per l’appunto. Mi sono alzato e avevo voglia di fare colazione. A pranzo tanta fame non l’avevo, va bene, ma ancora i medicinali non li avevo presi. Poi li ho presi.

E a merenda avevo voglia di mangiare. Avevo fame. Ma fame davvero, di quella fame che la riconosci, non perché il tuo stomaco inizia a bruciare e con lui l’intestino e poi la schiena, non quella fame che se non l’assecondi dopo dieci minuti ti stai stendendo a letto chiedendo l’eutanasia perché non sai più in che posizione stare.

E tipo per la prima volta da MESI avevo fame a cena. E non solo fame, ma anche appetito. Ho mangiato pasta. Pasta, che non toccavo da almeno un mese. E ne avrei mangiata altra, e dopo averla mangiata è stata la volta delle mele cotte. Due. E le ho mangiate tutte. E dopo avevo fame. E non ho la schiena a pezzi, mi alzo tranquillamente, muovo la gamba destra senza che la contrazione dei muscoli dell’addome mi faccia stringere i denti.

Ora, forse per voi queste parole non sono niente. Del resto sembra una cosa normale, un pomeriggio come tanti. Ma per me non era più così da un sacco di tempo.

E sì, lo so. Lo so che ormai peso 62kg e che il peso è destinato a scendere, almeno nei primi giorni di cura. Del resto dovrò mangiare pochissimo, se non andare addirittura in ospedale per stare a digiuno completo qualche giorno. Lo so che mi si vedono le costole, e che con la leggera pancetta e il residuo di tettine (glom) fanno un contrasto strano, specialmente ora che mi si intravede una piccola conchetta alla fine dello sterno. Lo so che ancora a sfiorarmi lo stomaco si rischiano le botte, perché anche solo al contatto mi fa un male cane. Lo so che il morbo di Crohn rimane sempre lì in agguato, che ancora c’è l’anemia pesante, che non sono guarito. Lo so che sarà lunga, e difficile.

Ma è il primo giorno che arrivo a fine serata e mi guardo allo specchio e, oh, sto sorridendo. Cosa che spontaneamente non facevo da un bel po’.

Posso sperare che oggi la chiudiamo così?

  • ottimo lucino <3

    Sono queste piccole cose che vanno apprezzate.

    Lea <3

    • lightingcloud

      già <3