White Noise, o frrr frrrr fizrrrrrrr.

A volte mi chiedo se sia un sesto senso, se me le vada a cercare, o se in fin dei conti sia solo sfiga. Ricordo chiaramente che scaricai White Noise perché me ne parlarono benissimo, mi parlarono di un’ottima recitazione, trama profonda, tanti momenti di sincero spavento, soprattutto di un tema oltremodo scabroso e insolito per un film horror/thriller. Faccio partire White Noise, e…

Vorrei proprio sapere ste “ricerche scientifiche”…

… ok, o ho frainteso il titolo del film, o chi me l’ha consigliato s’è confuso pesantemente. Quello dell’EVP è probabilmente una delle più assurde “manifestazioni paranormali” di cui abbia mai sentito parlare. Praticamente la gente pensa di sentire le voci dei morti nel rumore bianco, o effetto neve, o scarica elettrostatica, “ma porca puttana sta cassetta è tutta rovinata”/”sintonizza quel cazzo di radio che mi sta venendo mal di testa”. E vabé. Iniziamo. Fiduciosi…

white noise

La storia inizia che abbiamo già capito tutto. C’è lui, è sposato con una bella moglie, ha un figlio da un precedente matrimonio che con quell’ex-moglie c’ha mantenuto un ottimo rapporto, la nuova moglie è incinta, sta per pubblicare un libro, banalità su banalità, lei sparisce (maddai), l’auto sul ciglio di una scarpata, dici è morta, loro no, loro te lo dicono dopo dieci minuti di scene che dovrebbero essere tristi e invece sono noia.

Direttamente da Dylan Dog, l’Ispettore Bloch con il parrucchino!

Appare dal nulla sto tipo, gli dice che la moglie è morta, che cerca di comunicare con lui, di contattarlo quando vuole sapere. Che starai meglio, dopo. La tua vita sarà più felice. Lui, che tra parentesi è Michael Keaton, che c’ha tipo tre espressioni facciali in tutto, lo guarda e gli dice è un horror, deficiente, è chiaro come il sole che se ti seguo andrà tutto male. E fa l’unica cosa intelligente di tutto il film: lo manda via.

Houston, abbiamo un deja-vu!

Salvo poi andare a trovarlo appena, in una delle scene più cliché di sempre, gli dicono che effettivamente hanno trovato il cadavere della moglie. Dopo sei mesi sott’acqua. Senza prima fare accertamenti. Certo. E siccome dopo che la moglie gli lascia una chiamata al telefono cellulare (paura~)

Chiamata alla quale non risponde mica, lo stronzo.

e un messaggio in segreteria telefonica (terrore~), lui dall’Ispettore Bloch con i capelli, ci va. Qui partirebbero le tinte horror, ma sinceramente: chi ha paura dei disturbi elettrostatici? A parte, tipo, NESSUNO? Giusto coloro che, come me, si ricordano degli interminabili minuti a girar manopole per sintonizzare i tv analogici per guardare i programmi Rai quando si prendeva il televisore nuovo, o quando come per magia saltavano tutti i canali in memoria. Dio, che rumore fastidioso. Maledetto effetto neve.

L’orroreh!

Nel più classico dei banalismi, compare la sostituta della moglie, stessa storia stesso posto stesso bar, il fidanzato morto da poco e l’esper (…) che l’ha aiutata a ritrovare la serenità facendole ascoltare le parole che ha sempre voluto sentire (… …). Anche il buon Keaton si fa infinocchiare da sta puttanata, si mette a parlare con i mangianastri e finalmente appaiono i fantasmi cattivi.

Ma cattivi cattivi.

E Bloch muore. Giusto quando ti chiedevi come avrebbero fatto a portare avanti sta roba per ancora un’ora. Perché avete capito bene: finora sono passati solo trenta minuti di film. Aiuto.

Peccato che si perda un po’ il filo, lui inizia a ricevere messaggi dalla moglie, ci sarebbero degli spiriti cattivi che non vogliono che lui interferisca (con? Non è dato sapere), lui capisce che deve salvare la ggente perché è la moglie che glielo chiede (ma non era finché morte non ci separi?). Siccome della storia non si capisce più niente, posso solo supporre che dopo tutte quelle ore attorniato da schermi a tubo catodico fissi sull’effetto neve le allucinazioni siano il minimo.

Guarda un po’ che faccia, dai!

Dopo altri trenta minuti di niente assoluto, colpo di scena (…)! I fantasmi costringono la tipa bionda (che poi è Deborah Kara Unger, anche lei qui a corto di espressioni facciali) a tentare il suicidio e quasi l’ammazzano. Il colpo di scena, se non s’è capito, è che i due ancora non sono finiti a letto assieme. Lui torna a casa, i fantasmi cattivi gli hanno distrutto tutto tranne un pc, appare la moglie, vai!, dice, dove! risponde lui, vai! dice lei, dove cazzo devo andare diomadonna! dice (giustamente) lui, alla fine la benedetta (…) lo manda a salvare una donna rapita nascosta vicino a dove avevano trovato il suo cadavere. Che per metà film il fantasma intelligente aveva cercato di identificare così.

Salvo farci scoprire che è un cartello con sopra scritto “Keep Out”. Facile. Comunque lui, da buon pirla, ci va. Trova la tipa rapita, ma trova anche il rapitore (maddai!) che è stato tipo aiutato dai fantasmi malvagi e non si capisce bene se è anche il responsabile della morte della povera donna. Collutazione fantasmagorica che dovevano aver finito i soldi e non gl’è venuto in mente niente di meglio e il film finisce. Con una scena stupenda. Questa.

WHITE NOISE

E qui ho spento. Disgustato.

… c’avete creduto? No, non è vero, il film non finisce così. Finisce che

SPOILER

lui muore

FINE SPOILER CHE L’AVEVAMO CAPITO TUTTI

ma la polizia arriva in tempo per salvare la donna rapita. Al funerale del nostro povero protagonista partecipa la ex moglie, il figlio, un sacco di altra gente, ma proprio un sacco considerato che sembra tenuto nel deserto del Nevada. E poi tutti se ne vanno. Tranne la biondina tentato suicidio, che è in sedia a rotelle. Non so come sia arrivata fin lì. Quel che è certo, è che da lì non se n’è andata. Perché l’ultima scena è lei sola, nel nulla, senza macchine attorno, e una faccia figli di troia mi hanno dimenticata qui.

Bastardi.

Due parole finali. Per un consiglio. Se c’avete da scegliere tra White Noise e qualcos’altro, guardatelo. Qualcos’altro.

  • Ho riso tantissimo :°D

    • lightingcloud

      grazie, per me è un complimento stupendo! :*

  • è tra i film più insulsi che io abbbia mai visto! XD

    • lightingcloud

      hai avuto anche tu il dispiacere? io non volevo davvero credere che potesse esistere una cosa del genere…

      • bhè mi consolo pensando che ne esistono di peggiori…certo è che non è il massimo della consolazione!!!